Cowseal

Tipi di soffietti

I soffietti sono classificati in tipi metallici e non metallici, ciascuno progettato per applicazioni specifiche. I soffietti metallici includono varietà come formati, saldati sui bordi ed elettroformati, adatti per gestire le variazioni di pressione. I soffietti non metallici, realizzati con materiali come gomma, tessuto e plastica, offrono resistenza in ambienti difficili.

Punti chiave

  • Soffietto in metallo tipologie: formati, bordati, elettroformati, lavorati, depositati.
  • Materiali del soffietto non metallici: gomma, tessuto, plastica resistente.
  • Criteri di selezione: materiale, ambiente operativo, dimensioni, criteri di prestazione e costo.

Tipi di soffietti

Soffietti formati o contorti

I soffietti formati o contorti vengono realizzati rimodellando un tubo metallico in una forma cilindrica ondulata utilizzando varie tecniche.

Una tecnica comune è l'idroformatura. Qui il tubo metallico viene inserito all'interno di una cavità della matrice che ha la forma del soffietto finale. L'acqua ad alta pressione viene quindi iniettata nel tubo, facendolo espandere e conformarsi all'interno dello stampo, formando così il modello ondulato desiderato.

Un'altra tecnica è la formatura a freddo. Questo metodo non richiede calore e prevede la manipolazione fisica del tubo metallico a temperatura ambiente. Le tecniche di formatura a freddo includono la laminazione del tubo con rulli esterni per creare le convoluzioni o l'utilizzo di punzoni interni che spingono verso l'esterno per formare la forma ondulata.

Soffietto formato o contorto scalato 1

Soffietto saldato sui bordi

I soffietti saldati sui bordi sono realizzati saldando insieme i diaframmi metallici stampati sui bordi interno ed esterno. Questi diaframmi sono sottili pezzi circolari di metallo che, una volta collegati, formano ondulazioni note come convoluzioni. Il processo inizia saldando i bordi interni dei diaframmi, seguito dal collegamento dei bordi esterni. Questo metodo trasforma il mantice in una struttura flessibile, simile a una fisarmonica.

Questo tipo di soffietti rientra nella categoria dei soffietti metallici e sono molto apprezzati per la loro precisione e robustezza. Il loro design offre flessibilità e resistenza significative, essenziali per le applicazioni che richiedono un controllo preciso del movimento e tenute ermetiche. L'uso del metallo stampato garantisce che ogni convoluzione sia uniforme, il che aumenta l'efficacia e l'affidabilità complessive del soffietto.

bordo2

Soffietto elettroformato

I soffietti elettroformati vengono creati attraverso un metodo preciso noto come elettroformatura. In questo processo vengono utilizzati metalli come nichel o rame. Il metallo inizia in una soluzione elettrolitica come ioni. Quando viene applicata una corrente elettrica, questi ioni si muovono e si attaccano a un mandrino, che è un modello o una forma utilizzata per modellare il soffietto. Questo forma uno strato sottile e uniforme di metallo sul mandrino.

Lo spessore dello strato metallico è fondamentale e viene controllato con precisione. Questo per garantire che il prodotto finale abbia la resistenza e la durata necessarie. Una volta raggiunto lo spessore desiderato, il passo successivo prevede l'attenta rimozione del mandrino. Questo passaggio è delicato perché il mandrino mantiene il soffietto nella forma e configurazione corrette.

È essenziale rimuovere il mandrino senza danneggiare il soffietto. Ciò garantisce che i disegni complessi e le dimensioni specifiche vengano preservati. Il prodotto finale è un soffietto metallico senza giunzioni, robusto e di dimensioni precise.

Soffietto elettroformato

Soffietto lavorato

I soffietti lavorati sono formati manipolando meccanicamente i tubi metallici in forme specifiche chiamate convoluzioni. Questa operazione viene eseguita utilizzando attrezzature progettate per questo scopo, che comportano la laminazione o la pressatura dei tubi. Usano stampi e macchine formatrici per creare le forme precise e complesse necessarie affinché il soffietto funzioni in modo efficace.

Questo metodo contrasta con l'idroformatura, dove i soffietti vengono modellati applicando pressione idraulica all'interno di uno stampo per espandere il metallo nella forma desiderata. Nella produzione di soffietti lavorati viene applicata una forza meccanica diretta, consentendo un controllo più rigoroso sulle dimensioni e sulla flessibilità del prodotto finale.

Soffietto lavorato

Soffietti depositati

I soffietti depositati vengono fabbricati rivestendo un mandrino, spesso in alluminio, con metallo. Il mandrino viene quindi rimosso, rivelando una struttura a soffietto dettagliata. Vengono utilizzati due metodi principali: elettrodeposizione e deposizione chimica.

I soffietti elettrodepositati, noti anche come soffietti elettroplaccati, utilizzano una lega di nichel-cobalto. Questa tecnica si traduce in pareti sottili e resistenti, ideali per componenti piccoli e precisi. Tali soffietti possono essere progettati con diametri molto piccoli, a partire da 1,6 mm, su misura per applicazioni specifiche e dettagliate.

La deposizione chimica, al contrario, consente di ottenere soffietti con spessori di parete diversi. Questa adattabilità consente di produrre soffietti più grandi, con diametri che arrivano fino a 177,8 mm. Questo metodo si adatta a sistemi più grandi o più complessi, offrendo una maggiore flessibilità nella progettazione e nell'applicazione.

Soffietti depositati

Tipi di soffietti non metallici

Soffietto in gomma

I soffietti in gomma, generalmente realizzati in gomma o silicone, sono dispositivi flessibili e cilindrici. Il loro design a fisarmonica consente loro di allungarsi e comprimersi, garantendo una tenuta sicura ed ermetica. Questa capacità di tenuta è fondamentale per la protezione da contaminanti ambientali come polvere e acqua. Il design presenta convoluzioni anulari che ne migliorano la funzionalità in vari contesti.

Soffietto in gomma 1

Soffietto in tessuto e plastica

I soffietti in tessuto sono realizzati principalmente con materiali intrecciati come nylon, poliestere, fibra di vetro o Nomex. Questi tessuti ricevono spesso rivestimenti come finiture in poliuretano o alluminate, che ne aumentano significativamente la durata e la resistenza ambientale. Il loro design è particolarmente vantaggioso in scenari che richiedono elevata flessibilità e resistenza al calore, rendendoli adatti per applicazioni protettive e isolanti.

Al contrario, i soffietti in plastica sono realizzati con materiali plastici durevoli come PVC o gomma siliconica. Conosciuti per la loro straordinaria elasticità, questi soffietti eccellono in ambienti che richiedono resistenza a un ampio spettro di temperature e interazioni chimiche. La loro adattabilità li rende indispensabili nelle applicazioni in cui i componenti necessitano di protezione da vari fattori di stress fisici e chimici.

Soffietto in tessuto e plastica

Come scelgo un soffietto

Selezione del materiale:

  • Acciaio inossidabile: offre un'eccellente resistenza alla corrosione, elevata resistenza e durata, rendendolo adatto per ambienti difficili e applicazioni ad alta pressione.
  • Alluminio: leggeri ed economici, i soffietti in alluminio sono spesso utilizzati in applicazioni a bassa pressione e temperatura.
  • Ottone: fornisce una buona resistenza alla corrosione ed è comunemente utilizzato nei sistemi a bassa pressione.
  • Inconel: una lega di nichel-cromo con eccezionale resistenza alle alte temperature, all'ossidazione e alla corrosione, che la rende adatta ad ambienti estremi.
  • Hastelloy: Un'altra lega a base di nichel con resistenza superiore agli attacchi chimici, spesso utilizzata nell'industria chimica e petrolchimica.

Ambiente operativo:

  • Intervallo di temperatura: i soffietti devono essere in grado di resistere alle temperature estreme previste senza degrado o guasti.
  • Esposizione chimica: alcuni materiali possono essere più resistenti di altri a sostanze chimiche specifiche o ad ambienti corrosivi.
  • Vibrazioni: i soffietti utilizzati in applicazioni con livelli di vibrazione elevati possono richiedere rinforzi aggiuntivi o design specifici per prevenire cedimenti per fatica.
  • Condizioni esterne: i soffietti esposti ad ambienti esterni potrebbero dover essere resistenti ai raggi UV, all'umidità o ad altri fattori ambientali.

Dimensioni e dimensioni:

  • Diametro: i diametri interno ed esterno del soffietto devono essere compatibili con i componenti collegati e con lo spazio disponibile.
  • Lunghezza della corsa: il movimento lineare o angolare massimo consentito che il soffietto può sopportare senza sollecitazioni eccessive o deformazioni.
  • Configurazione: i soffietti possono essere rotondi, rettangolari, a forma di U o progettati su misura per adattarsi a geometrie o spazi liberi specifici.

Criteri di rendimento:

  • Valutazione della pressione: la pressione massima (positiva o negativa) che il soffietto può sopportare senza guasti o deformazioni eccessive.
  • Rigidità della molla: la forza richiesta per comprimere o estendere il soffietto, che ne influenza la flessibilità e la reattività.
  • Ciclo di vita: il numero di cicli di compressione/estensione che il soffietto può sopportare prima del cedimento, importante per le applicazioni dinamiche.
  • Flessibilità: la capacità del soffietto di adattarsi al disallineamento o al movimento senza eccessivo stress o affaticamento.

Costo e disponibilità:

  • Vincoli di budget: materiali e design diversi possono variare in modo significativo in termini di costi, richiedendo un equilibrio tra prestazioni e budget.
  • Tempi di consegna: alcuni tipi di soffietti o progetti personalizzati potrebbero avere tempi di consegna più lunghi, che potrebbero influire sulle tempistiche del progetto.
  • Disponibilità: alcuni materiali o configurazioni potrebbero essere più facilmente disponibili presso i fornitori, influenzando le considerazioni sull'approvvigionamento e sulla manutenzione.

Conclusione

Quando decidi il soffietto appropriato per le tue esigenze, considera le esigenze specifiche della tua applicazione. I soffietti metallici sono adatti per ambienti industriali ad alta temperatura grazie alla loro durata, mentre i soffietti non metallici sono preferibili per applicazioni che richiedono maggiore flessibilità. È fondamentale valutare aspetti quali temperatura, pressione ed esposizione chimica prima di effettuare una selezione.

Per una funzionalità ottimale e una durata di vita prolungata dei soffietti, si consiglia vivamente di consultare un esperto. Contattaci oggi stesso per assicurarti di scegliere la soluzione migliore su misura per i requisiti del tuo sistema.

Scopri gli ultimi approfondimenti di Cowseal